Libri libri libri

Cover progetto

L'appartamento è ubicato a Trento ed è parte di un edificio oggetto di ristrutturazione completa.

L’edificio oggetto dell’intervento si compone di quattro piani fuori terra: il piano rialzato, originariamente sede di due ambulatori, il piano primo con un appartamento, il piano secondo con due appartamenti ed il sottotetto, anch’esso adibito a singola abitazione. Trattandosi di ristrutturazione di edificio residenziale con parti comuni, per le unità immobiliari si deve rispettare il requisito di adattabilità e visitabilità e per le parti comuni di accessibilità, come prevede la normativa disabili; per questo motivo ad affiancare la rampa di scale esistente viene realizzato un ascensore elettrico senza locale macchina di collegamento tra i livelli seminterrato-sottotetto.

Il progetto prevede la riorganizzazione degli spazi interni senza variazione del numero di unità immobiliari; viene modificata la destinazione d’uso del piano rialzato, da due ambulatori a due appartamenti: un bilocale composto da soggiorno-cucina e camera ed un trilocale con zona giorno provvisto di  angolo cottura e due camere, entrambi con accesso al giardino. Al primo piano è previsto l’ampliamento del living con angolo cottura e la ridefinizione della partitura di separazione dalla zona notte, che comprende due camere, guardaroba e doppio bagno. Al secondo piano le due unità abitative, un bilocale e un trilocale, sono divise dal muro portante centrale, con affaccio a sud ed a nord-est. Gli interventi nel sottotetto prevedono l’ampliamento del balcone ed il posizionamento di velux. La maggioranza dei bagni ha illuminazione naturale, per i bagni ciechi è prevista una ventilazione forzata di 15 mc/h.

Si tratta di un edificio a basso consumo che si prefigge di raggiungere uno standard energetico di classe B. La progettazione prevede la coibentazione esterna dell’edificio con cappotto in EPS con finitura ad intonaco di colore bianco calce, caratterizzata da basamento di colore bianco-grigio, fascia marcapiano e cornice delle aperture di colore bianco; la lattoneria è in lamiera preverniciata color testa di moro.

Il progetto prevede il mantenimento della forometria regolare originale dei prospetti a tutti i livelli, con sostituzione della totalità dei serramenti in legno lamellare di larice laccati di colore bianco e tapparelle di colore bianco. Al piano terra è prevista la riorganizzazione degli ingressi dell’edificio: l’accesso principale viene spostato sul lato nord e coperto da una pensilina in vetro e acciaio, vengono inoltre eliminati i gradini dell’accesso al piano rialzato con trasformazione in terrazzino privato; sul lato ovest viene eliminata la scala d’accesso principale con l’aggiunta di una finestra sul vano scale e la chiusura delle finestre sul vano ascensore, che è accessibile direttamente dall’esterno; sul prospetto sud la trasformazione delle aperture in porte-finestre per permettere l’accesso al giardino a livello e la chiusura del vano scala di collegamento con il seminterrato; sul prospetto est l’apertura di una porta-finestra. Ai piani superiori le modifiche principali riguardano la trasformazione delle finestre in porte-finestre per l’accesso ai balconi e l’apertura di tre nuove velux per l’illuminazione del sottotetto. Il tetto in legno ha manto di copertura in tegole e puntoni della copertura in abete, la torretta dell'ascensore elettrico ha copertura in lamiera preverniciata colore testa di moro.

Il progetto favorisce il rapporto dell’edificio con l’esterno tramite la creazione a sud di un terrapieno verde fino al piano rialzato (0.00m) con un tratto pavimentato dotato di griglie di aerazione per le bocche di lupo delle cantine e l’ampliamento delle terrazze private del primo e secondo piano da mq 4.48 a mq 11.20, oltre alla terrazza semi-coperta del sottotetto. I nuovi balconi hanno pavimentazione in legno con struttura portante in travetti di legno, travi, tiranti e puntone in legno armato, e parapetto ad elementi verticali in acciaio zincato tinta grigio chiaro con montanti in acciaio zincato tinta grigio chiaro. Dal punto di vista architettonico, si è voluto utilizzare l’elemento formale della trave a vista che caratterizza il prospetto originale sud dell’edificio, riproponendola come elemento strutturale dei balconi.

La sistemazione della pavimentazione a cubetti di porfido sul lato nord e ovest permette l’accesso con vettura ai posteggi situati a sud. Il numero dei parcheggi, 6 stalli standard più uno per diversamente abili, sono stati previsti sulla base del numero degli appartamenti in quanto, non essendoci né cambio di destinazione d’uso (residenza=ambulatori=gruppo A) né aumento di unità immobiliari non è necessario effettuare il calcolo come da normativa. Il dislivello che dal cancello di ingresso (-1.30m) collega l’area a sud (-0.84m) si accentua nella parte destinata a parco che colma la differenza di quota con il livello del piano rialzato (0.00m) creando un ampio spazio verde con essenze cespugliose ed arboree.